Proteggi l ambiente naturale

Le questioni relative alla fiducia e alle verifiche pratiche nel settore sono principalmente legate alla protezione ambientale. Proviamo a mostrare come l'UE ha normalizzato le normative relative alla sicurezza industriale sulla piattaforma di case study - & nbsp; studi di caso atex.

A causa del fatto che un enorme gruppo di macchine e utensili è ancora destinato a lavorare nelle miniere di carbone, in cui esiste il rischio di esplosione di metano e polveri di carbone, la direttiva 94/9 / CE è discussa in un'attività specifica, che chiede a coloro minacce.

Nel marzo 1994, il Parlamento europeo e il Consiglio hanno adottato il cosiddetto una nuova soluzione 94/9 / CE nella storia delle leggi di normalizzazione diritto degli Stati membri in materia di strumenti e stili di protezione, che vengono completati in zona di un rischio di esplosione, che è conosciuta come la direttiva ATEX. & nbsp; & nbsp; In attuazione delle disposizioni dell'articolo 100 del Trattato di Roma, lo scopo principale di questo la regola è di fornire un flusso regolare di merci che fornirà un alto grado di protezione dalle esplosioni. Tuttavia, questo non sarà stato un passo importante nel campo della armonizzazione della protezione contro le esplosioni nel gruppo europeo. Per quasi venti anni, tutti hanno dovuto adattarsi a diversi cosiddetti vecchio approccio alla libera circolazione delle merci attualmente coperto dalla direttiva ATEX.

La direttiva 94/9 / CE è stata integrata nella manutenzione dal 1 ° luglio 2003, sostituendo le vecchie direttive di approccio 76/117 / CEE e 79/192 / CEE relative alle apparecchiature elettriche che sono messe a terra a distanze che sono a rischio di esplosione di spazio e la Direttiva 82/130 / CEE, che parla di dispositivi elettrici messi in funzione in aree a rischio di esplosione in una stanza di una miniera di gas. Le procedure di valutazione della conformità basate sul vecchio approccio erano correlate ma con apparecchiature elettriche che richiedevano tutti i requisiti di sicurezza chiaramente definiti. La ricerca ha dimostrato che i dispositivi elettrici sono una fonte di accensione ma in parte di successi. Nel contratto con quello attuale, solo la natura elettrica indicata nelle direttive del vecchio approccio alla minaccia è in qualche modo sufficiente per raggiungere il livello massimo di protezione richiesto dal regolamento 100a del trattato di Roma.